<IMG SRC="nonflash.gif" width=406 height=74 BORDER=0>

 

HOSTED BY

http://ferdybeat.altervista.org

 
 
-=Menu=-
   

HOME PAGE

STORIA DELLA BAND

DISCOGRAFIA E RECENSIONI

PHOTO GALLERY


SPECIALE

GUESTBOOK

CONTATTI

LINKS

 

 
-=SPECIALE=-
 

 

 

Intervista a Pino Sinnone (di Daniele Cutali)

 

Lettere dei fans: I ricordi di Rudy Pio

 

 

 

 
-=PARTNERSHIP=-
   

 
-=COLLABORATORI=-
   

AIUTACI A REPERIRE INFORMAZIONI E MATERIALE SUI TRIP!

Visita CONTATTI

 
-=Discography=-
 

THE TRIP (1970)

 

CARONTE (1971)

 

ATLANTIDE (1972)

 

TIME OF CHANGE (1973)

 

 

-=Band History=-

 

  

La primissima formazione dei Trip risale al 1967 ed è tutta inglese. I suoi membri sono Arvid Andersen (bassista), Jan Broad (batterista), William Gray (chitarrista) e [udite udite!] Ritchie Blackmore (chitarrista), che subito dopo questa brevissima esperienza andrà a fondare quel mostro sacro del rock che ha nome Deep Purple.

 

Anche se questa formazione non ha avuto lunga vita  e non ha lasciato alcuna "testimonianza scritta" (come 45 giri o bootlegs) è importante perchè ha al suo interno Arvid Andersen (che negli ambienti del blues londinese di metà '60 ha già suonato con membri degli Yardbirds e dei futuri Led Zeppelin), il quale rimarrà nel gruppo fino al '73 (scioglimento ufficiale dei Trip). 

Inoltre, scorrendo l' esiguo materiale inerente questi Trip "embrionali", si riscontrano tutte quelle velleità che accompagneranno il gruppo: un' attitudine "underground" estrema ed una ricca e peculiare ricerca di sonorità uniche ed irripetibili (per maggiori informazioni a riguardo leggi le recensioni contenute in DISCOGRAPHY).

 

Nel '69 avviene la defezione di Blackmore e Broad, i "nuovi acquisti" della band sono Joe Vescovi (tastierista) ed il ventiduenne Pino Sinnone (all' epoca percussionista da soli tre anni); grazie a questa felice contaminazione di elementi italiani con altri inglesi si incomincia ad intravedere l' ossatura storica della band.

 

Con la firma del contratto (1970) con la RCA, il gruppo comincia a cogliere i primi (timidi) successi, rafforzati dalla partecipazione nel film "Terzo canale avventura a Montecarlo", dove i Trip interpretano loro stessi sullo sfondo di un' improbabile trama farsesca, ricca di scenette a dir poco agghiaccianti....

La casa cinematografica decide che per i membri della band non è prevista alcuna retribuzione, in ragione di ciò Vescovi tronca ogni rapporto con essa: il progetto che vuole i TRIP protagonisti di altre pellicole è sfumato per sempre. 

Comunque sia questo film rimane (ovviamente) un <<must>> per i fans del gruppo di ogni generazione e si fa apprezzare per la sua iconografia di marcato stampo hippie.

 

E' dello stesso anno il 45 giri "Bolero Rock" e l' LP "The Trip - Musica Impressionistica" (recensione).

 

Nel 1971 David Gray e Pino Sinnone dopo l' uscita dell' album "Caronte" (recensione) decidono di abbandonare la band (che in Italia ha pochissimo seguito, così come in Inghilterra). La sezione ritmica, l' anno successivo, viene quindi affidata al giovanissimo Furio Chirico (che dopo la parentesi con i Trip andrà a fondare un' altra prog band, ovvero Arti e Mestieri).

Sinnone, per sua scelta, appenderà le bacchette al chiodo per oltre trent' anni, per poi riprenderle nel suo attuale progetto, ovvero la Gualtiero Accornero Blues Band.

 

Nel '72 i tempi sono maturi per l' uscita di un nuovo LP (lo storico "Atlantide"). Con una formazione a tre in chiaro stampo Classic Prog, i Trip si impongono agli occhi della critica come drastica risposta "underground" a formazioni più blasonate quali Emerson, Lake & Palmer, Le Orme e Atomic Rooster (solo per fare qualche piccolo esempio....).

Su tutte spicca l' istrionica figura di Joe Vescovi, che si pone al centro dell' attenzione come virtuoso delle tastiere in grado di rivaleggiare con grossi nomi del calibro di Keith Emerson, Dave Greenslade e Rick Wakeman.

Sono di questo periodo le prime soddisfazioni legate ad un discreto successo di pubblico.

 

Nel 1973 esce sul mercato quello che sarà l' ultimo lavoro dei Trip, ovvero "Time Of Change" (recensione). Mai titolo per un album fu così profetico: la band cambia etichetta (la fallimentare Trident Music), il successo consolidato con Atlantide non riesce a perpetuarsi ed inoltre Furio Chirico (che grazie al suo talento suscita gli appetiti musicali di molti musicisti) decide di dedicarsi ad altri progetti.

 

L' anno successivo (1974) i membri "sopravvissuti" si rivolgono a Nunzio Favia (batterista). Ma questo nuovo terzetto ha vita breve, sembrano essersi spente le idee nella fucina creativa dei Trip; dopo pochi mesi la band si scioglie, Vescovi si unisce dapprima agli Acqua Fragile e poi ai Dik Dik (dove lo seguirà anche Favia). Arvid Andersen torna in terra di Albione per dedicarsi a progetti personali, poi si trasferisce in pianta stabile in Svizzera, dove tutt' ora risiede, dedicandosi, fra l' altro, all' hobby dell' archeologia.

 

L' attività musicale di Joe Vescovi dura tutt' oggi negli ambienti del pop-rock (Shout!).

 

FERDINANDO SANTONICOLA

 

 

 

 


Tutti i testi presenti in questo sito (salvo dove diversamente indicato) sono originali e di proprietà dell' autore (contattalo). Ho segnalato nelle pagine tutte le informazioni possibili riguardo ai proprietari del materiale fotografico presente ma purtroppo non è stato possibile farlo in taluni casi. I suddetti proprietari sono pregati di contattare il webmaster in caso di problemi legati ad eventuali omissioni.