<IMG SRC="nonflash.gif" width=406 height=74 BORDER=0>

 

HOSTED BY

http://ferdybeat.altervista.org

 
 
-=Menu=-
   

HOME PAGE

STORIA DELLA BAND

DISCOGRAFIA E RECENSIONI

PHOTO GALLERY


SPECIALE

GUESTBOOK

CONTATTI

LINKS

 

 
-=SPECIALE=-
 

 

 

Intervista a Pino Sinnone (di Daniele Cutali)

 

Lettere dei fans: I ricordi di Rudy Pio

 

 

 
-=PARTNERSHIP=-
   

 
-=COLLABORATORI=-
   

AIUTACI A REPERIRE INFORMAZIONI E MATERIALE SUI TRIP!

Visita CONTATTI

 
 

-=Discografia e Recensioni by FERDY SANTONICOLA=-

 

clicca ingrandisci

 

 

 

 

Anno 1972

Etichetta RCA

 

Tracklist:
1Atlantide  2Evoluzione  3Leader  4Energia  

5Ora X

6Analisi

7Distruzione

8Il Vuoto

 

 

Line Up:

Arvid Andersen (basso, voci)  

Furio Chirico (batteria) 

Joe Vescovi (tastiere e voci)

 

 
 

 

 

 

 

ATLANTIDE

Atlantide è il primo LP del gruppo con formazione a tre. L' affiatamento tra Vescovi, Andersen e Chirico, produce un qualcosa di pressochè inaspettato nel panorama italiano, persino una piccola parte del grande pubblico è costretta a rivolgere uno sguardo di riflessione verso i Trip:

Atlantide sarà il primo ed unico album della formazione a riscuotere un certo successo.

 

Fin dalla prima traccia Vescovi e compagni mettono in risalto le loro velleità sonore, ampio spazio è dato alle atmosfere rarefatte del piano elettrico e del moog. La sezione ritmica (splendido il lavoro incrociato di basso e batteria) presenta lati ossessivi lungo tutte le tracce, proiettando l' ascoltatore in una trama "concept" dal fascino estremo.

Sul tessuto di un sound cupo ma molto compatto, le linee melodiche si svolgono con una scorrevolezza sublime. Queste si abbandonano a toni talvolta epici, talvolta apocalittici, alternate da piccolissime "isole" melodiche più disimpegnate (ma mai banali).

 

Comunque sia, forse il lato più affascinante dell' LP sta nelle individualità del gruppo; mai album di classic prog fu così ben congegnato per mettere in risalto il virtuosismo di ciascun elemento senza andare a discapito della godibilità del lavoro complessivo.

Tuttavia resta il fatto (considerando anche ciò che è stato detto finora) che quest' album risulta difficile da "digerire" all' ascoltatore non "specializzato";

ma è noto che ai trip non sono mai piaciute le mediazioni ed i mezzi termini. Il fan del prog più estremo li ama proprio per questo, perchè chiunque altro li detesterebbe.

 

Ferdinando Santonicola

 


Tutti i testi presenti in questo sito (salvo dove diversamente indicato) sono originali e di proprietà dell' autore (contattalo). Ho segnalato nelle pagine tutte le informazioni possibili riguardo ai proprietari del materiale fotografico presente ma purtroppo non è stato possibile farlo in taluni casi. I suddetti proprietari sono pregati di contattare il webmaster in caso di problemi legati ad eventuali omissioni.